Home Mercato Studi e ricerche 3 italiani su 4 non vivono nella casa dei sogni, ma i più non fanno nulla per migliorarla
3 italiani su 4 non vivono nella casa dei sogni, ma i più non fanno nulla per migliorarla

3 italiani su 4 non vivono nella casa dei sogni, ma i più non fanno nulla per migliorarla

91
0

Il sondaggio di ManoMano evidenzia che solo il 39% degli italiani ha apportato modifiche in casa da marzo 2020. In testa ai desideri il terrazzo.

 

Abitiamo in case che non ci soddisfano, ma non facciamo nulla per migliorarle. È questa la tendenza emersa dal sondaggio di YouGov per ManoMano – l’ecommerce leader europeo del fai da te, giardinaggio e arredo casa. Infatti, solo 1 italiano su 4 (26%) dichiara di vivere nella propria casa dei sogni. Un luogo che nella maggior parte dei casi prevede spazi da dedicare al divertimento, al relax, ma anche al lavoro. Una conseguenza del fatto che per 2 italiani su 3 il modo di vivere la propria casa è radicalmente cambiato in questo ultimo anno e mezzo. Nonostante ciò, il 58% degli intervistati non ha apportato cambiamenti sostanziali alla propria abitazione tra marzo 2020 e oggi.

 

La maggior parte delle persone che si sono dedicate a migliorare la propria casa ha scelto di cambiare alcuni pezzi di arredamento (44%) o a ri-arredarla spostando i mobili per ottenere una nuova disposizione (43%). L’aggiunta di nuove piante, che permette di creare un ambiente più naturale e pulito è un’altra delle attività preferite durante i rinnovi (40%). Ma gli italiani non si limitano ad acquistare, oltre un terzo di essi (38%) ha dipinto le pareti, dando un nuovo tocco di colore e cambiando l’atmosfera degli ambienti.

 

E se proprio dovessimo sognare a occhi aperti, quale sarebbe la casa dei sogni degli italiani? 1 su 2 (49%), vorrebbe un terrazzo con la zona barbecue, il tavolo per mangiare insieme ai propri cari e delle sdraio per rilassarsi all’aperto. Anche un’ampia cabina armadio con gli opportuni spazi dedicati a vestiti, borse e scarpe è desiderata da quasi 1 persona su 2 (46%), soprattutto donne che raggiungono una percentuale del 58% rispetto al 32% degli uomini.