Home Produzione Batavia, un nuovo competitor nel comparto a batteria
Batavia, un nuovo competitor nel comparto a batteria

Batavia, un nuovo competitor nel comparto a batteria

107
0

Gli elettroutensili a batteria Batavia, di casa madre olandese, approdano nel mercato italiano del fai da te grazie a MTZ Group, distributore esclusivo per l’Italia e il Sud Europa.

Batavia, azienda olandese con circa 20 anni di attività, è da sempre presente nel mondo degli elettroutensili e affini, proponendo prodotti innovativi nell’estetica e nella funzionalità, senza tralasciarne la robustezza. È stata tra le prime a proporre una linea completamente a batteria, in un mondo che allora concentrava le vendite esclusivamente sui prodotti a filo. Questa caratteristica le ha permesso di imporsi velocemente su tutti i mercati del Nord Europa e oggi ha importanti quote di mercato in Olanda, Belgio, Germania, Francia e UK. In Italia, e nel Sud Europa, il brand Batavia viene distribuito in esclusiva dall’azienda MTZ Group con sede a Tricesimo, in provincia di Udine. Per approfondire questa collaborazione e scoprire i tratti salienti delle gamme proposte in Grande distribuzione, abbiamo intervistato Stefano Stefanelli, direttore commerciale di MTZ Group.

 

Quando e come è nata la collaborazione tra MTZ Group e Batavia?

Nell’estate 2020 ci sono stati i primi contatti, che si sono concretizzati in un accordo pluriennale per la distribuzione del marchio in Italia, ed in altri paesi del Sud Europa. La sintonia tra Bart Jan Torenbosch, export manager di Batavia, e Massimo Tassan Zanin, amministratore di MTZ Group, è stata immediata, come è stata evidente la voglia dell’azienda olandese di entrare nel mercato italiano, e la nostra di distribuire il loro prodotto, che riteniamo curato nell’estetica, affidabile e in novativo. A settembre 2020 siamo diventati operativi sul mercato, con la copertura di tutte le regioni da parte di professionisti.

 

Pensate che il marchio possa essere ben recepito dal mercato?

È evidente che lanciare un nuovo marchio nel mercato degli elettroutensili non è una cosa semplice, ci sono brand protagonisti da anni che si dividono quote importanti di fatturato, ma noi sappiamo di disporre di un prodotto di altissima qualità, proposto a un prezzo molto competitivo, perciò adatto a tutti. Inoltre, il mercato italiano è molto vario, lo definirei a piramide. Alla base di questa piramide ci sono le ferramenta, sparse su tutto il territorio nazionale in posizioni strategiche di prossimità, la parte centrale è formata dai centri brico, spesso raggruppati sotto insegne, mentre in cima troviamo i grandi gruppi della GDO. Ognuno dei tre strati è un mercato dal grande potenziale, e un’azienda come la nostra che vuole diventare protagonista del settore non può, né deve trascurare nessuna opportunità.

 

Quali linee di prodotto sono più adatte al canale brico?

Essenzialmente la nostra gamma è divisa in tre sezioni: elettroutensili, garden, utility. Tutte e tre le linee, sono adatte al comparto brico, anzi direi che sono state appositamente pensate per il canale. La caratteristica più evidente è che abbiamo una gamma esclusivamente a batteria, e che tutti i nostri prodotti utilizzano un’unica batteria. Si può cambiare la potenza della stessa, in funzione dell’utilizzo del prodotto, ma l’aggancio è unico per tutte e 3 le linee, e questo è un grande aiuto per chi vende.

 

Come sta andando il settore degli elettroutensili e, più nel dettaglio, il comparto a batteria?

È evidente che questo ultimo periodo sebbene complicato, abbia riportato un consistente incremento nel settore elettroutensili, ed in particolare di quelli a batteria si apprezza ormai, anche grazie alle nuove tecnologie applicate nella costruzione delle batterie, la semplicità di uso, la maneggevolezza, l’utilizzo in qualsiasi situazione, e non ultima la sicurezza di questi nuovi sistemi. Questo ha sopperito alla decrescita del fatturato delle macchine a filo, mantenendone il numero in assoluto ed incrementandone il fatturato, riducendo inoltre la percentuale di interventi tecnici, essendo i nuovi utensili, molto più semplici nella componentistica.

 

Leggi l’articolo completo in Bricomagazine di maggio cliccando qui.