Home Produzione Berni Group investe sul servizio sia online che offline
Berni Group investe sul servizio sia online che offline

Berni Group investe sul servizio sia online che offline

82
0

Un fine 2021 che si prospetta carico di aspettative per l’azienda emiliana grazie a due progetti all’insegna del servizio: nuovo distaccamento strutturato in Centro Italia ed ecommerce diretto.

Con sede a Luzzara, in Emilia-Romagna, la Berni Group srl fonda le sue radici nel 1946. Nata dall’unione di un gruppo di aziende dislocate in diverse province italiane, tutte gestite dalla famiglia Berni, mira a soddisfare le richieste multi settoriali dei clienti con il vantaggio di interfacciarsi con un’unica struttura. Le aziende che la compongono sono autonome, sia nella produzione che nella commercializzazione di prodotti specializzati, e insieme coprono un assortimento vasto nei settori casalinghi, giardinaggio e fai da te. Con Nicola Berni, titolare dell’azienda (in foto insieme alla moglie Annalisa), abbiamo approfondito presente e futuro di questa realtà eclettica che propone sia in Gd che in Gdo il sistema di vendita In store video.

 

Come siete strutturati oggi?

Oggi la Berni Group occupa un’area di 7.000 mq, su un’area complessiva di 23.000 mq, dove è presente una logistica strutturata che permette di disporre di 1.500 articoli a magazzino tutti in pronta consegna, di cui 200 della tipologia In store video. All’interno della struttura vantiamo uno studio fotografico e di registrazione video, con personale addetto e qualificato, che ci permette di offrire un servizio di vendita con sistema In store video di qualità sia in Gd che in Gdo. Il nostro team si distingue per la presenza di svariati promoter interni, sia per l’assistenza diretta che per le televendite, e grazie alla nostra agenzia, che cura l’assistenza e il merchandiser, siamo in grado di coprire capillarmente tutto il territorio nazionale. Il tutto è volto a perseguire l’obiettivo primario di garantire velocità nelle consegne e assistenza diretta al cliente.

 

Come si articola la vostra proposta commerciale alla Gd del bricolage?

Berni Group propone un assortimento molto diversificato che abbraccia più settori e che trova spazio sia nel mercato della Gd che della Gdo. Il nostro punto di forza, nonché motivo di successo, è l’abilità e l’esperienza maturata nella ricerca delle novità e del “Visto in Tv”, che ci permette di distinguerci per l’inventiva nella proposta dei prodotti. Molti nostri articoli novità sono, inoltre, brevettati o con licenza di brevetto.

 

Come gestite gli approvvigionamenti dall’estero? Le problematiche legate al caro prezzi container si sta ripercuotendo sulla vostra attività?

In particolare il mercato asiatico sta facendo oscillare molto le economie mondiali, non solo per le problematiche legate ai costi di nolo, ma anche per gli aumenti sproporzionati delle materie prime, che hanno inciso con aumenti del 20-30%. Nonostante gli aumenti dei noli e i ritardi sulle consegne dei prodotti, la Berni Group sta riuscendo a gestire la situazione attuale, ma non nascondo la preoccupazione per il trend dei consumi. Il potere d’acquisto diminuisce e aumentano i costi di gestione; questo squilibrio a lungo termine costringerà il consumatore a fare scelte oculate sugli acquisti, che avranno ripercussioni sull’economia attuale.

 

Come sta andando il 2021 e quali sono le prospettive per il 2022?

Il 2021 è partito benissimo e ci aspettiamo che possa concretizzarsi in una crescita di fatturato del 6% sul 2020. Anche le prospettive per il 2022 sono decisamente rosee. Con l’idea di continuare a investire nel servizio, per renderlo più puntuale e per rafforzare quei settori più fragili, abbiamo in programma di aprire un distaccamento strutturato di logistica e distribuzione in Centro Italia. Grazie a questo plus nel 2022 ci aspettiamo un aumento di fatturato significativo, nell’ordine del 20%.

 

Avete in serbo altre novità aziendali?

Entro il mese di novembre avvieremo un nuovo progetto: la Berni Group sarà online con un servizio diretto di ecommerce, sia b2b che b2c.