Home Distribuzione Brico io sostiene l’Unicef
bricoiounicef_cop
bricoiounicef_2
bricoiounicef_1

Brico io sostiene l’Unicef

70
0

Ha preso il via la partnership tra Brico io e Unicef per costruire una scuola in Costa D’Avorio.

 

Il 20 novembre, in occasione della Giornata Mondiale dell’Infanzia e dell’Adolescenza, ha preso il via la partnership della durata di un anno tra Brico io e Unicef Italia per favorire l’istruzione in Costa D’Avorio.

 

Negli oltre 100 negozi Brico io i consumatori potranno dare il proprio contributo alla raccolta fondi di Brico io per l’Unicef. Dal canto suo, Brico io ha effettuato una donazione con la speranza di raggiungere, insieme al contributo di coloro che aderiranno all’iniziativa, l’obiettivo di 250.000€ utili alla costruzione di una scuola in Costa d’Avorio, comprensiva di 10 classi, servizi igienici, mensa, area esterna attrezzata, attrezzature didattiche e la formazione degli insegnanti.

 

In concreto la scuola sarà ecosostenibile, in quanto realizzata con mattoni di plastica riciclata, infatti grazie all’impresa sociale colombiana Conceptos Plasticos, l’Unicef porta avanti un progetto che prevede di riciclare la plastica per farne mattoni da impiegare nella costruzione di scuole. Attraverso questo progetto oggi vengono riciclate più di 5 tonnellate di rifiuti di plastica (da involucri di caramelle a pneumatici per auto) e trasformati in mattoni, durevoli e sicuri con l’obiettivo di realizzare ambienti sani e sicuri dove i bambini possano studiare, giocare e sviluppare il proprio potenziale.

 

“Con convinzione ci affianchiamo ad UNICEF nel sostenere questa iniziativa rivolta ai bambini che, indipendentemente da regione geografica, nazionalità ed esigenze rappresentano il futuro prossimo.” – dichiara Piero Simonetti, responsabile vendite e marketing di Brico io S.p.A. – “Il nostro sostegno prevede volutamente il coinvolgimento dei nostri negozi, dei nostri colleghi e dei nostri clienti, con l’intento di sensibilizzare più persone possibile che rendano visibile l’iniziativa. Siamo certi che raggiungeremo l’obiettivo concordato con UNICEF, finanche a superarlo”.