Home Distribuzione Brico Sardegna, evasione fiscale da 3 milioni di euro
Brico Sardegna, evasione fiscale da 3 milioni di euro

Brico Sardegna, evasione fiscale da 3 milioni di euro

276
0

Sequestrato il negozio di un imprenditore cinese a Oristano per un’ingente evasione fiscale. Nonostante il nome, si tratta più di un bazar che di un brico.

 

Come riporta il quotidiano ‘l’Unione Sarda’, le Fiamme Gialle hanno disposto il sequestro preventivo del punto vendita Brico Sardegna (Oristano, via Cagliari) di proprietà di un imprenditore cinese che, secondo la procura, avrebbe evaso imposte per circa 3 milioni di euro.

 

L’accusa è di frode, evasione fiscale, fatture false e irregolarità amministrative. Secondo la Guardia di Finanza il rivenditore avrebbe contabilizzato sistematicamente (e inserito nelle dichiarazioni dei redditi) centinaia di fatture false anche “fatte in casa” per attestare acquisti fasulli e gonfiando le spese aziendali. Le Fiamme Gialle nel corso dell’operazione hanno sequestrato l’azienda, i beni e il denaro dell’imprenditore per un valore di oltre 2 milioni e mezzo.

 

La procura della Repubblica ha deciso di affidare la gestione dell’emporio, che quindi risulta ancora operativo, a un amministratore giudiziario per tutelare i 10 posi di lavoro.

 

Nonostante l’appellativo ‘brico’ nell’insegna, il punto vendita è il classico bazar cinese, solo in parzialmente riconducibile alle merceologie del nostro settore: le categorie tecniche sono completamente assenti e si trovano casalinghi, abbigliamento, ferramenta, arredo giardino, tessili per la casa, prodotti per feste e stagionali, cartoleria, accessori per elettronica, giocattoli…