Home Mercato Come riconoscere le mascherine FFP2 non a norma
Come riconoscere le mascherine FFP2 non a norma

Come riconoscere le mascherine FFP2 non a norma

2.52K
0

Vademecum pratico per verificare la conformità delle mascherine FFP2/3 dai codici riportati sul prodotto.

 

Solo da febbraio ad agosto 2020, sono stati importati in Italia dispositivi di protezione per le vie respiratorie per un valore complessivo pari a 2,66 miliardi di euro, rilevando +2094% rispetto allo stesso periodo del 2019 (leggi intervista Assosistema Safety). Solo questo dato può dare un’idea della quantità di mascherine che si è riversata sul nostro mercato nell’ultimo anno e tra queste non potevano mancare quelle con certificazioni false o con certificazioni autentiche ma comunque non a norma, come ha riportato la stampa in questi giorni.

 

Come riconoscere dunque i prodotti conformi alle normative? Il primo strumento a disposizione di rivenditori e clienti è il database dell’Unione Europea che permette di identificare l’ente certificatore mediante il codice riportato dopo la sigla CE. A questo link l’elenco dei codici degli enti certificatori abilitati per le mascherine FPP2. In sostanza dopo la sigla CE deve esserci il codice numerico riportato nella colonna ‘Body Type’ (esclusa la sigla NB).

 

In questo periodo di emergenza è possibile che – benché non marcati CE – alcuni DPI siano immessi in commercio in forza di quanto previsto dall’art. 15 del DL 18/2020 “Cura Italia”. L’elenco di tali DPI è pubblico e scaricabile dal sito di Inail a questo link. Anche queste mascherine si possono considerare sicure.

 

C’è poi il caso di Universalcert – codice CE 2163 – di cui ha parlato la stampa di recente. E’ la questione più spinosa, perché l’ente certificatore è autorizzato per le mascherine FFP2, ma secondo le analisi di laboratori indipendenti, alcune mascherine di produzione cinese che riportano questa sigla non risultano conformi (non sono coinvolte aziende italiane). In questo caso devono intervenire le autorità antifrode e di controllo degli enti certificatori perché per utenti e rivenditori è impossibile eseguire controlli.