Home Mercato Comparto vernici, nuovo aumento dei costi
Comparto vernici, nuovo aumento dei costi

Comparto vernici, nuovo aumento dei costi

155
0

Nei primi tre mesi del 2023 i costi di alcune materie prime strategiche sono aumentati rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

 

Minacce nuove e vecchie incombono sulle imprese: domanda in contrazione, scarsità di manodopera, rialzo dei tassi, dilazioni nei tempi di incasso e pagamento, costi di trasporto, energia e materie prime. La spirale di complessità che attanaglia il sistema economico italiano ed europeo prosegue nel 2023 con indicatori economici che preoccupano Assovernici. L’Associazione, che rappresenta i produttori di pitture e vernici per edilizia ed industria, avverte: «crescono i costi per le imprese, mentre stagnano le vendite e si contraggono i margini aziendali. Da aprile 2020 il rialzo delle materie prime non ha dato tregua al nostro comparto e il primo trimestre 2023 ha registrato un nuovo aumento dei costi rispetto al primo trimestre 2022».

 

Non è tutto: già penalizzato dal crescente valore di acquisto di solventi, pigmenti, imballaggi ed energia, il comparto oggi deve fare i conti con ulteriori difficoltà, a partire da una domanda nettamente inferiore e dal crescente costo del personale dovuto all’inflazione. Le aziende, infatti, subiscono gli effetti della stretta sincronizzata delle politiche monetarie volte al controllo degli alti livelli inflativi con i conseguenti aumenti dei tassi d’interesse e ricadute negative su investimenti e finanziamenti.

 

Le imprese italiane del comparto vernici, che in questi ultimi anni così difficili hanno dimostrato di saper reagire con rapidità ed efficienza, garantendo prodotti finali inalterati a livello qualitativo, vedono quindi crescere i pericoli dell’inflazione e dei tassi, fino a qualche mese fa considerate variabili poco rilevanti.

 

In particolare, si segnala che nei primi tre mesi del 2023 i costi di alcune materie prime strategiche sono aumentati rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Parallelamente, quelli dell’energia sono saliti alle stelle e, sebbene si sia registrato un calo negli ultimi mesi, il costo di gas ed elettricità è ancora tre volte superiore a due anni fa. Analogamente, anche se alcuni materiali, come Nbutanolo e B-butile acetato, hanno visto una riduzione di prezzo, a febbraio i loro valori sono ancora circa il doppio rispetto alla media del 2020.