Home Mercato Con lo smart working calano gli investimenti immobiliari nel settore uffici
Con lo smart working calano gli investimenti immobiliari nel settore uffici

Con lo smart working calano gli investimenti immobiliari nel settore uffici

77
0

L’incertezza sull’evoluzione dei luoghi di lavoro rallenta lo sviluppo del real estate del comparto. L’analisi di Cushman & Wakefield.

 

La trasformazione del luogo di lavoro nel post Covid: il tema è stato affrontato da Raffaella Pinto, head of business development Cushman & Wakefield, in occasione dell’evento di presentazione del 2° Rapporto sul mercato immobiliare 2021 di Nomisma. Pinto ha evidenziato, innanzitutto, come il mondo degli uffici sia stato uno degli ambiti più impattati dalla pandemia. Il Coronavirus, infatti, ha causato dei cambiamenti che, probabilmente, si ripercuoteranno anche nel modo in cui vivremo questi ambienti di lavoro nei prossimi anni. Un settore in cui, a livello immobiliare, gli investimenti hanno subito un rallentamento, data l’incertezza circa la sua evoluzione.

 

Cushman & Wakefield, all’inizio del 2021, ha condotto un’indagine che ha coinvolto 340 manager di aziende multinazionali per capire come stessero affrontando questo momento, quale fosse il loro approccio verso lo smart working e quali le prospettive future: “La prima evidenza emersa dalla ricerca è che il futuro degli uffici non sarà binario: non lavoreremo solo in ufficio o solo da casa, ma prevarrà un modello ibrido. La vera sfida sarà capire come bilanciare le due componenti – osserva Pinto -. Secondo la maggior parte dei manager intervistati, i fattori che influiranno su questa decisione saranno il ruolo dei lavoratori e le loro preferenze. Inoltre, il 35% pensa che i dipendenti di un’azienda non debbano necessariamente vivere nella città in cui risiede l’impresa”.

 

Più in generale, emerge inoltre come la finalità del lavoro in ufficio sta cambiando. L’81% delle persone intervistate, infatti, ha dichiarato che l’ufficio favorisce gli incontri e le interazioni casuali, dando luogo a nuove idee e stimoli: “Ci aspettiamo quindi – ha concluso la referente di Cushman & Wakefield – un ecosistema di luoghi e una maggiore cura degli spazi comuni dell’ufficio: questo ambiente, infatti, dovrà favorire il confronto tra le persone e regalare un’esperienza”.