Home Mercato Cresce ancora l’ecommerce in Italia, ma il Diy perde in volumi
Cresce ancora l’ecommerce in Italia, ma il Diy perde in volumi

Cresce ancora l’ecommerce in Italia, ma il Diy perde in volumi

311
0

La ricerca ‘Ecommerce Italia 2023’ di Casaleggio Associati fotografa una situazione in chiaro-scuro con vendite online in crescita, ma spinte dagli aumenti dei prezzi.

 

Presentata la ricerca di Casaleggio Associati “Ecommerce Italia 2023” che illustra congiuntura, trend e novità delle vendite online in Italia, in Europa e nel Mondo. L’indagine è particolarmente interessante in quanto le merceologie del Diy&garden sono inserite e valutate nella categoria “casa e arredamento”, un macro mondo parecchio esteso, ma sempre più significativo della voce “altri” in cui lo rilegano altre indagini.

 

La variazione assoluta mostra un progresso del 19% delle vendite ecommerce 2022 rispetto all’anno precedente, a quota 75,8 miliardi di euro rispetto a 64,1 miliardi del 2021. Il dato però va visto nel contesto di alta inflazione che ha portato un aumento medio dei prezzi del 10% (che arriva fino al 15% in alcuni settori). Inoltre, il trend non è stato organico, ovvero ci sono settori che hanno registrato una forte crescita (il turismo e l’alimentare in particolare) e altri, praticamente tutti i prodotti non food, che hanno registrato una battuta d’arresto. In particolare, la nostra categoria “casa e arredamento” ha registrato una crescita del fatturato dell’8% a fronte di un aumento dei prezzi del 10%, quindi una perdita in termini di volumi.

 

In Italia la diffusione dell’online tra la popolazione (dai 2 anni in su), nel mese di gennaio 2023, ha raggiunto quota 75,1% (-1,2% rispetto all’anno precedente) con 44 milioni di utenti unici mensili e un decremento di circa un milione di persone rispetto allo scorso anno. I numeri degli acquirenti online tuttavia continuano la loro crescita superando i 38 milioni già lo scorso settembre.

 

In Italia il canale ecommerce ha ancora molto terreno da recuperare rispetto ai paesi evoluti del mondo occidentale: la spesa online degli italiani per beni di consumo è stata nel 2022 di 1.212 miliardi di euro, sotto la media europea (1.654 mld euro) e ben lontano da Francia, Germania e Regno Unito (2.940 mld euro). In conseguenza di ciò il 2,26% del PIL viene speso dagli italiani per beni di consumo online rispetto ad una media mondiale del 3,53% e ad esempio la Gran Bretagna dove questa percentuale arriva al 5,13%.