Home Distribuzione Dmo cede quota di maggioranza della catena L’Isola dei Tesori
Dmo cede quota di maggioranza della catena L’Isola dei Tesori

Dmo cede quota di maggioranza della catena L’Isola dei Tesori

178
0

Nel capitale sociale entrano 2 nuovi partner, e ulteriore liquidità per sostenere il nuovo piano di sviluppo dell’insegna.

 

Dmo Spa annuncia la cessione della maggioranza della propria catena pet L’Isola dei Tesori, e l’ingresso nel capitale sociale di Peninsula ed ALI (Azimut Libera Impresa). L’operazione prevede, inoltre, un aumento di capitale a favore della società al fine di perseguire importanti obiettivi di crescita per L’Isola dei Tesori, unitamente allo sviluppo di linee di business ad alta rilevanza strategica.

 

Fabio Celeghin, fondatore de L’Isola dei Tesori, ha ricordato: “Nata 20 anni fa, L’Isola dei Tesori è risultata, per gli ultimi otto, come la migliore insegna retail nel mondo del pet food… Crediamo però che il bello debba ancora arrivare… insieme ai due nuovi soci Peninsula ed ALI, faremo ancor di più di L’Isola il punto di riferimento nel mondo del retail pet food. L’espansione che abbiamo in mente richiede risorse importanti, che abbiamo reperito proprio grazie a questi nuovi partner”.

 

L’amministratore delegato Stefano Di Bella ha sottolineato: “Il modello di sviluppo nei prossimi anni sarà lo stesso fin qui adottato: puntiamo a creare il polo pet più specializzato d’Italia con l’adozione integrale del concetto one-stop-shop, dei luoghi affettivi dove chi ama gli animali potrà trovare tutto quello che occorre, dai prodotti, alle toelettature, all’acquariologia ed ai servizi veterinari. Completeranno il piano di sviluppo un’ampia apertura alle vendite online in chiave di multicanalità e di home delivery, e lo sviluppo del mondo veterinario. La società proseguirà ad operare da Pernumia (Padova) in continuità con il passato, dove ha sede il nostro centro di eccellenza pet”.

 

Fondata nel 2000 e parte del Gruppo Dmo Spa, L’Isola dei Tesori nel 2019 ha registrato un fatturato di circa 135 milioni di euro.