Home Mercato Il valore del mercato globale dell’home improvement, e i 10 top retailer mondiali
Il valore del mercato globale dell’home improvement, e i 10 top retailer mondiali

Il valore del mercato globale dell’home improvement, e i 10 top retailer mondiali

401
0

Virtual Diy Summit: nel 2021 il settore raggiunge i 770 miliardi di euro. Home Depot, Lowe’s, Adeo: primi 3 player internazionali.

 

Il mercato mondiale dell’home improvement e del fai da te chiude il 2021 a 770 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 702 miliardi di euro totalizzati nel 2020. Sono, questi, alcuni dei dati diffusi in occasione della seconda edizione del Virtual Diy Summit, organizzato da Edra/Ghin e Hima, le prime due organizzazioni in rappresentanza del mondo retail.

 

Durante l’analisi dei dati di mercato, si è evidenziato ancora una volta come il biennio di pandemia abbia portato il settore a una crescita senza precedenti. E, anche per il 2022, si prevede una crescita, verosimilmente meno sostenuta rispetto alle annate 2020 e 2021, ma comunque significativamente più alta, in termini generali, rispetto a quella registrata nel 2019. In quell’anno – lo ricordiamo – il settore valeva 617 miliardi di euro (vs i 593 miliardi di euro del 2018). A fare il grosso del mercato è, come di consueto, il nord America (Stati Uniti e Canada) che realizza, da solo, 460 miliardi di euro. Il secondo mercato per importanza è quello europeo, pari a 221 miliardi di euro, mentre l’Asia Pacifico è terza con 64,2 miliardi di euro.

 

Quali sono i 10 top retailer internazionali del brico nel 2021? Il Virtual Diy Summit conferma la prima posizione del colosso statunitense Home Depot, che realizza 135,6 milardi di euro di fatturato. Il secondo posto è occupato stabilmente da un altro player Usa, ovvero Lowe’s (86,4 miliardi di euro). Sul podio anche la multinazionale francese Adeo, terza con 25,5 miliardi di euro. In quarta posizione troviamo l’inglese Kingfisher, con 15,4 miliardi di euro, mentre l’australiana Bunnings è quinta, con 10,9 miliardi di euro. Il sesto posto è occupato da un altro gruppo statunitense: è Menards (10,3 miliardi di euro). Settimo posto per Obi (7,2 miliardi di euro); in ottava posizione c’è la canadese Canadian Tire (6,3 miliardi di euro), mentre la tedesca Bauhaus è nona, con 6 miliardi di euro. Chiude la top 10 il gruppo cileno Sodimac, con 5,7 miliardi di euro.