Home Mercato imballaggi, il riciclo supera ogni previsione
imballaggi, il riciclo supera ogni previsione

imballaggi, il riciclo supera ogni previsione

35
0

Il tasso di riciclo degli imballaggi in Italia nel 2020 ha superato ogni previsione, arrivando al 73% dei pack immessi sul mercato. Lo annuncia Conai nella sua relazione generale.

 

Ormai per il consumatore l’imballo dei prodotti che acquista non può e non deve rappresentare un peso ambientale, deve poter essere riutilizzato o riciclato. Sembra essere questa l’evidenza che emerge dai dati Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi) sul tasso di riciclo dei pack industriali nel 2020 che ha toccato il livello record del 73% (+3,3% rispetto al 2019): su 13 milioni di tonnellate di confezioni immesse al consumo, 9,5 milioni sono state riciclate.

 

Nel dettaglio, hanno trovato una seconda vita 371mila tonnellate di acciaio, 47mila e 400 di alluminio, 4 milioni e 48mila di carta, un milione e 873mila di legno, un milione e 76mila di plastica, 2 milioni e 143mila di vetro. Sommando ai numeri del riciclo quelli del recupero energetico, il totale di imballaggi sottratti alla discarica cresce e si avvicina all’84% (83,7%). Un totale di quasi 11 milioni di tonnellate. Con questo risultato, l’Italia ha raggiunto e superato con 5 anni d’anticipo gli obiettivi di riciclo complessivi che l’Europa impone ai suoi Stati membri entro il 2025, che è del 65%.

 

I conferimenti dei rifiuti di imballaggio sono cresciuti in tutta Italia, con piccoli scostamenti percentuali fra macro-aree geografiche: +6% al nord, +5% al Sud, +4% al Centro.