Home Mercato Indagine ADCC Italia: il mondo dei centri commerciali rialza la testa
Indagine ADCC Italia: il mondo dei centri commerciali rialza la testa

Indagine ADCC Italia: il mondo dei centri commerciali rialza la testa

28
0

Circa l’80% dei direttori di mall partecipanti alla ricerca stima, per la fine del 4° trimestre 2021, un aumento di visite e fatturato.

 

C’è cauto ottimismo nel mondo degli shopping center. Secondo la ricerca UrbiStat per ADCC Italia (Associazione nazionale direttori centri commerciali italiani), l’80% dei direttori di mall contattati prevede di chiudere l’ultimo trimestre 2021 con un aumento delle visite, e il 76% ipotizza anche un incremento del fatturato.

 

Di contro, tra i principali fattori che potrebbero mettere a rischio la ripresa dei centri commerciali, si annoverano: una nuova ondata di contagi (53% del campione), l’aumento generalizzato dei prezzi al consumo (43%) e la crescita dei canali di vendita online (31%).

 

Il settore viene da un trimestre precedente piuttosto incoraggiante. Analizzando le vendite complessive dei tenant nel mese di settembre 2021, il 45% dei centri commerciali indagati ha prodotto fatturati superiori rispetto allo stesso mese del 2020, con un incremento medio pari al +10%. Di gran lunga minore è il cluster di centri (22%) che ha registrato un valore delle vendite inferiore, con una media del calo intorno al -9%.

 

Parallelamente,  nel mese di settembre 2021 il 40% dei centri commerciali ha rilevato un numero di presenze inferiore rispetto allo stesso periodo 2020 (-11% circa), mentre il 24% del panel dichiara una crescita media di circa il +13%.

 

Nell’intero trimestre (luglio-settembre 2021), per la maggior parte dei direttori (57%) le performance in termini di presenze e fatturato sono state in linea con le aspettative, per il 26% inferiori e per il 17% superiori.

 

Per affermare nuovamente (o per rafforzare) il ruolo dei centri commerciali quali luoghi di acquisto e di aggregazione sociale, il 60% del campione suggerisce promozioni e sconti, il 43% servizi, il 38% attività di social engagement, il 28% sicurezza sanitaria, il 10% eventi. Per aumentare l’affluenza negli shopping center, i direttori si stanno prevalentemente orientando verso eventi promozionali (72%), ma anche per bambini e ragazzi (28%) e culturali (28%).

 

Negli ultimi mesi l’Italia dello sport si è resa protagonista di numerosi successi a livello internazionale e la maggior parte del campione (76%) ritiene importante portare lo sport nei centri commerciali (palestre, eventi dedicati, etc.).