Home Mercato Italiani pro soluzioni smart per il controllo della temperatura domestica
Italiani pro soluzioni smart per il controllo della temperatura domestica

Italiani pro soluzioni smart per il controllo della temperatura domestica

68
0

Questa propensione è più sentita nella fascia 25-34 anni. Gli over 64, invece, prediligono la riduzione della temperatura in casa “fai da te”.

 

I proprietari di case italiani sono i primi in Europa per disponibilità e interesse all’acquisto di soluzioni smart per il controllo della temperatura domestica, con il 74% di consenso. A seguire, Spagna (71%), Paesi Bassi e Belgio (70%) e Germania (68%), con Regno Unito e Francia (50%) tra i più riluttanti, secondo la ricerca condotta da OnePool per Resideo, fornitore globale di soluzioni per comfort e sicurezza principalmente in applicazioni residenziali e distributore di prodotti elettronici e sistemi di sicurezza a bassa tensione, tra i proprietari di casa di Regno Unito, Germania, Spagna, Francia, Paesi Bassi, Belgio e Italia.

 

Questa maggiore propensione all’investimento da parte dei nostri connazionali è legata alla convinzione che ciò si traduca in una riduzione di costi e consumi nel lungo periodo e risulta ancora più sentita nella fascia 25-34 anni, dove si arriva a toccare l’85% del panel.

 

La preoccupazione per l’aumento dei prezzi dell’energia è, del resto, sentita dal 95% dei proprietari di case italiani intervistati nel sondaggio, che si dichiarano “preoccupati” o “fortemente preoccupati”. Riguardo le azioni concrete da attuare per ridurre l’impatto del caro-energia, il 28% dei proprietari di casa opta per ridurre la temperatura dell’ambiente domestico, mentre il 21% prevede di utilizzare in maniera più efficiente i sistemi di controllo del proprio riscaldamento. Solo il 13% degli italiani si dichiara disposto a spegnere del tutto il proprio impianto di riscaldamento in un’ottica di risparmio energetico, contro il 25% degli spagnoli e il 28% dei britannici, che invece adotterebbero questo tipo di soluzione.

 

Dal punto di vista generazionale emerge un divario. Infatti, se il 40% dei proprietari di case over 64 si affiderebbe alla riduzione della temperatura in casa “fai da te” come modalità principale per risparmiare in costi e consumi, il 51% dei proprietari di case nella fascia d’età 18-34 adotterebbe come soluzione quella di sfruttare e installare sistemi per il controllo del riscaldamento domestico come termostati e valvole termostatiche, e il 36% di essi investirebbe in domotica, con gli ultimi modelli di sistemi di controllo smart, tra cui i termostati intelligenti.

 

Anche dal punto di vista territoriale emergono attitudini diverse: al Sud e nelle Isole l’interesse e disponibilità a installare strumentazioni smart (23% contro il 16% del Nord) e tradizionali (45% contro il 26% del Nord) per il controllo dell’energia sono maggiori rispetto al Nord, dove si prediligono come alternative la riduzione della temperatura in casa e un impiego più efficiente del proprio impianto di riscaldamento.