Home Mercato Italiani sempre meno attratti dai pagamenti cash, in calo del 23%
Italiani sempre meno attratti dai pagamenti cash, in calo del 23%

Italiani sempre meno attratti dai pagamenti cash, in calo del 23%

34
0

Cresce a doppia cifra il ricorso alle carte di credito e al digital payment. Transazioni online in aumento del 22%.

 

Il mercato italiano continua la sua evoluzione verso l’uso di strumenti alternativi al contante e verso un maggiore utilizzo di strumenti innovativi. Un processo che la diffusione dell’ecommerce ha concorso ad accelerare: nei primi 6 mesi del 2021, le vendite via web hanno fatto aumentare l’incidenza delle transazioni online, che arrivano oggi a costituire il 22% delle operazioni complessive via carta opzione/rateale. Sono, questi, alcuni dei principali temi trattati dalla 19° edizione dell’Osservatorio Carte di Credito e Digital Payments curato da Assofin, Nomisma e Ipsos, con il contributo di CRIF.

 

Nel primo semestre dell’anno si è rilevata una crescita di oltre il 20% del possesso/presa di consapevolezza della funzionalità contactless della propria carta. Anche l’utilizzo è in forte incremento: ben il 70% dei titolari di carte contactless si è servito di questa modalità di pagamento più di 2 volte al mese e la media di utilizzo mensile è di 3,7 volte. Il 50% dei titolari dichiara, inoltre, di aver fatto pagamenti contactless con la carta più spesso negli ultimi 6/9 mesi rispetto al recente passato.

 

Al contempo, si evidenzia una contrazione dell’utilizzo del contante, con tendenza alla sua ulteriore riduzione: il target dei cash lover registra un calo del 23% rispetto al 2020.

 

Il ricorso all’ecommerce, che nel 2020 ha registrato cambiamenti repentini e significativi, nei mesi recenti evidenzia che le abitudini si sono stabilizzate, in parte con ritorni all’acquisto in store, ma anche consolidando i nuovi comportamenti di acquisto online.

 

A livello mondo, il 31% indica l’online quale primario canale di acquisto. L’Italia si posiziona appena sotto la media con il 24%, al pari di Germania e Spagna, e con una quota superiore alla Francia. Risulta inoltre sempre più accentuata, nel nostro Paese, la decrescita dei pagamenti degli acquisti ecommerce attraverso contrassegno/bonifico, a favore delle carte e pagamenti digitali.

 

Sono in continua evoluzione, inoltre, le dinamiche dei pagamenti da mobile (m-payments/smart payments): il 70% dei decisori d’acquisto li conosce, un dato in aumento di 10 punti percentuali rispetto al 2020 e del 37% rispetto al 2019.