Home Distribuzione Izzi Fai da te: minibond da 600mila euro per finanziare lo ‘sconto in fattura’
Izzi Fai da te: minibond da 600mila euro per finanziare lo ‘sconto in fattura’

Izzi Fai da te: minibond da 600mila euro per finanziare lo ‘sconto in fattura’

497
0

L’associato Bricolife – 3 punti vendita – sceglie un metodo innovativo per finanziare l’acquisto dei crediti fiscali dei suoi clienti.

 

Izzi Group è un retailer che opera nel settore del bricolage con tre punti vendita nelle province di Isernia e Aquila (Castel di Sangro e Venafro), ed è uno dei soci fondatori del consorzio Bricolife. L’azienda si è rivolta al mercato per finanziare lo ‘sconto in fattura’, ovvero per acquistare dai suoi clienti i crediti fiscali maturati attraverso l’acquisto di prodotti che beneficiano dei vari bonus fiscali. Per farlo ha scelto di adottare un metodo innovativo, ha lanciato un minibond sulla piattaforma di private debt Crowbond, che consente alle piccole e medie imprese di raccogliere capitali da investitori professionali e da particolari categorie di investitori retail. Nello specifico, i minibond sono obbligazioni o titoli di debito con scadenza a medio lungo termine emessi da società in cerca di capitali finanziari e si configurano come una fonte di finanziamento alternativa al credito bancario.

 

Nella motivazione di ‘impiego dei capitali raccolti’ si legge: “Izzi Group ha deciso di concedere ai propri clienti attraverso il meccanismo dello ‘sconto in fattura’ dei crediti fiscali che spetterebbero ai contribuenti che acquistano caldaie, pompe di calore, mobili ed altri beni per i quali la normativa fiscale prevede il riconoscimento di un credito d’imposta in misura variabile a seconda del tipo di intervento (bonus casa, eco-bonus, bonus mobili, ecc…). In conseguenza dell’acquisto da parte di Izzi Group dei crediti d’imposta – ceduti dai clienti – in luogo dell’incasso del prezzo pieno del bene fornito, si verifica un aumento del capitale circolante operativo dell’impresa nella componente ‘crediti’, e ciò fintanto che la stessa Izzi Group non abbia perfezionato (a sua volta) la cessione dei crediti fiscali in favore di altri soggetti (operatori finanziari-investitori), acquirenti degli stessi. L’emissione del mini-bond in esame è pertanto destinata a finanziare il capitale circolante della società nelle sue due componenti principali: magazzino e crediti”.

 

L’offerta – disponibile dal 19 aprile al 19 maggio – ammonta a 600.000 euro complessivi, è rivolta a investitori istituzionali, ha una durata di 30 mesi con un tasso di interesse del 4% annuo con tasso fisso e interessi anticipati, ed è suddivisa in lotti da 10.000 euro che rappresentano quindi il minimo valore d’investimento.

 

Izzi Group viene fondata ad Isernia nel 1995 dai fratelli Claudio, Maria e Carlo Izzi. L’azienda si occupa di commercio di articoli per il fai da te e la casa con tre punti vendita all’attivo:

  • Il primo punto vendita è stato aperto ad Isernia nel 1997 dapprima su una superficie di 1.100 mq. e, successivamente all’acquisto dei locali adiacenti, ampliato per arrivare agli attuali 1.860 mq. di cui circa 1.550 di vendita.
  • Nel 2000 viene aperto a Venafro (AQ) il secondo negozio c.d. “di prossimità”, con un assortimento minore rispetto agli altri, su una superficie di circa 350 mq.
  • Nel 2015 viene infine aperto il terzo punto vendita a Castel di Sangro (AQ), su una superficie coperta di circa 2.500 mq, con un format innovativo per l’azienda, realizzato dopo aver costruito direttamente l’immobile.

 

Crowdbond è il portale di Private Debt Crowdfunding di Opstart, che consente alle piccole e medie imprese che hanno emesso obbligazioni, titoli di debito e cambiali finanziarie, di raccogliere capitali da investitori professionali e da particolari categorie di investitori retail. Crowdbond è una divisione specializzata di Crowdbase, multipiattaforma fintech che ha l’obiettivo di introdurre nuove soluzioni per fornire capitali all’economia reale e offrire al contempo opportunità di investimento innovative e diversificate agli investitori, attraverso l’utilizzo delle più avanzate tecnologie Fintech.