Home Mercato Ki-Life Sustainable Award 2024, i vincitori
Ki-Life Sustainable Award 2024, i vincitori

Ki-Life Sustainable Award 2024, i vincitori

44
0

Svelati i vincitori della terza edizione del premio di Kiki Lab per i migliori prodotti sostenibili.

 

Venerdì 12 gennaio, presso l’Elements Arena di Milano, si è svolto l’evento di premiazione del Ki-Life Sustainable Award 2024, il premio ideato e promosso da Kiki Lab, in collaborazione con Fiera Milano Home, riservato alle aziende italiane e internazionali che hanno realizzato prodotti o progetti in ottica di sviluppo sostenibile, rispetto ambientale e responsabilità sociale nei settori Arredamento, Illuminazione, Accessori per la tavola e la cucina, Elettrodomestici e high tech, Tessuti per la casa, Profumi/Candele/Saponi, Prodotti per la pulizia del bagno e della casa, Bambini, Articoli da regalo, Cerimonia – Anniversari, Outdoor, Arredi e accessori per animali domestici, Tecnologia per il rivenditore, Packaging, Nastri e carta, Articoli promozionali, Festività.

 

Dall’11 al 14 gennaio, infatti, l’area espositiva ‘KI-LIFE Sustainable Award’ di Kiki Lab a Milano Home, your way of living, ha ospitato i prodotti relativi ai 42 progetti finalisti che sono stati valutati dalla giuria presieduta da Fabrizio Valente, fondatore e amministratore di Kiki Lab, con top manager di aziende retail (Green Pea, Brico io, La Feltrinelli, Risparmio Casa, Coin Casa) e importanti professionisti ed esperti di retail e di innovazione nell’ambito della sostenibilità.

 

Il vincitore assoluto di questa terza edizione è iGreen Gadgets con il progetto iGreen Cover, una soluzione smart allo smaltimento delle cover per gli iPhone, che possono essere ‘piantate’ a fine ‘vita’, trasformandosi in piantine.

 

Il premio speciale della giuria, invece, è stato assegnato a Life in a bag per il progetto Grow Bottle, che recupera le bottiglie di vino vuote dai ristoranti e caffè di una piccola città portoghese, trasformandole in fioriere auto-irriganti per coltivare le erbe aromatiche biologiche, con grande cura per l’estetica dei dettagli e per la facilità di uso.

 

Infine, sono 6 le aziende che hanno ricevuto le menzioni speciali: da BioBright con il progetto Carbon-Cleansing Algae, che valorizza le proprietà delle alghe come depuratrici di carbonio, ideali da usare negli ambienti chiusi, con un prodotto accattivante anche per il design minimalista, a Ilsa con il progetto Thalassios by Le Coq Porcelaine, ovvero una linea di piatti che sostiene il progetto ‘fishing for litter’ con cui la start-up Ogyre ripulisce l’Atlantico dalla plastica e la seleziona per facilitarne il riciclo, da Balma, Capoduri & C. con il progetto eCoccoina 685, che fa evolvere il prodotto ‘colla liquida’ in modo sostenibile nella composizione e nel packaging, a Coltellerie Berti di Tradizioni Associate con il progetto I Cucinieri, che ripensa i componenti e i vari materiali di coltelli, taglieri e ciotole e dei loro packaging (acciaio, legno, plastica, carta) in ottica sostenibile, da Stasher con il progetto Bags riutilizzabili, ovvero contenitori per cibi in silicone di alta qualità, riutilizzabili a lungo e di grande facilità e flessibilità di uso, a De Buyer con il progetto Padelle in ferro B Element, per l’impegno per un impatto positivo sul territorio francese del proprio sito produttivo, con diverse iniziative che includono l’istallazione di una serie di alveari, utili per monitorare la qualità dell’ambiente e facilitarne la conservazione, oltre che a produrre la cera usata per il finissage delle padelle prodotte.