Home Mercato Kingfisher, Q3 2022: sostanziale tenuta delle vendite
Kingfisher, Q3 2022: sostanziale tenuta delle vendite

Kingfisher, Q3 2022: sostanziale tenuta delle vendite

102
0

Bene la professionale Screwfix e Castorama in Polonia. Forte domanda di prodotti per l’efficienza energetica.

 

Il Gruppo Kingfisher realizza un buon risultato nel terzo trimestre 2022, con un progresso complessivo dell’1,7% delle vendite sullo stesso trimestre 2021 e mantenendo un solido margine rispetto ai risultati pre pandemia (+15,3%). Ciò detto le dinamiche all’interno del gruppo per le singole insegne, per le aree geografiche e persino per le categorie merceologiche sono piuttosto differenziate. Inoltre, sottolineiamo come i risultati in valore (non vengono resi noti quelli in volume) risentono delle pressioni inflazionistiche del periodo e quindi dei corposi aumenti di prezzo.

 

Per quanto riguarda le insegne, continuano ad andare forte le due professionali Screwfix e Tradepoint, in particolare la prima guadagna un ulteriore 5% e apre il suo primo magazzino in Francia con un ambizioso piano di sviluppo per il 2023. Sostanziale pareggio per le vendite di Castorama in Francia, mentre si registra una perdita significativa (-2,7%) per B&Q nei suoi mercati principali, ovvero UK e Irlanda.

 

Riguardo alle aree geografiche, alla stabilità dei due mercati principali, Regno Unito e Francia, fa da contraltare una crescita sostanziosa di quelli secondari. In particolare, la Polonia, con l’insegna Castorama, fa segnare una crescita a due cifre (+10,5%), ma vanno bene anche Romania (+4,5%) e Spagna/Portogallo (+3,4%).

 

Parlando di categorie merceologiche non sorprende la forte domanda di prodotti per l’efficienza energetica, ma continua il trend positivo legato al miglioramento domestico con vendite importanti dei mondi legati al do it for me.

 

Il quarto trimestre è iniziato bene, con un buon slancio commerciale, nelle tre settimane fino al 19 novembre 2022 le vendite sono cresciute del +2,8% e del +16,2% su base triennale rispetto ai periodi corrispondenti.

 

Thierry Garnier, amministratore delegato, ha dichiarato: “Le nostre tendenze di vendita hanno continuato ad essere resilienti. Ciò è stato sostenuto dalla continua crescita della quota di mercato, con forti guadagni di Screwfix, TradePoint e Castorama Poland. Mentre lo sfondo del mercato rimane impegnativo, le vendite fai-da-te continuano ad essere supportate da nuove tendenze del settore come più lavoro da casa e un chiaro aumento degli investimenti dei clienti nel risparmio energetico e nell’efficienza. Anche il DIFM e l’attività commerciale continuano ad essere ben supportati dai lavori di miglioramento domestico.

 

I prezzi competitivi rimangono una priorità. Con i nostri clienti che affrontano l’aumento del costo della vita, siamo determinati a rendere il miglioramento della casa accessibile e accessibile, in particolare attraverso i nostri marchi esclusivi che rappresentano il 45% delle nostre vendite.

 

Continuiamo a investire per la crescita. Il mese scorso ha segnato un momento chiave nella nostra storia con l’apertura del primo negozio Screwfix in Francia, per un totale di quattro-cinque negozi che dovrebbero aprire quest’anno finanziario e molti altri previsti per il 2023. Abbiamo lanciato il nostro mercato di e-commerce in Spagna e Portogallo, basandoci sul successo iniziale del mercato di B&Q nel Regno Unito. Abbiamo anche lanciato strumenti di risparmio energetico nel Regno Unito e in Francia, per aiutare i clienti a diagnosticare e accedere a prodotti e servizi per aumentare l’efficienza delle loro case prima dell’inverno. Finora abbiamo visto un’adozione molto positiva di questi servizi, con B&Q, ad esempio, che ha preso quasi 1.000 prenotazioni di appuntamenti entro i primi tre giorni dal lancio”.