Home Produzione L’acqua da bere è il business del futuro
L’acqua da bere è il business del futuro

L’acqua da bere è il business del futuro

288
0

Acqua da bere e servizio posa, detergenza bio, capillarità e post-vendita. Queste le iniziative intraprese da Watermarket con un occhio sempre attento all’ambiente.

 

Nell’ultimo anno e mezzo il mercato del trattamento acque ha vissuto un importante cambiamento per quanto riguarda la grande distribuzione specializzata. Complici i vari bonus attivati dallo Stato e una sempre più marcata sensibilità verso le tematiche green, è emersa una richiesta rilevante di miglioramento dell’acqua del proprio rubinetto di casa, da un lato, e di riduzione del consumo di plastica, dall’altro” così Luca D’Amelio, amministratore delegato, racconta cosa ha portato Watermarket a investire maggiormente nel mercato dell’acqua da bere. Un segmento già trattato – seppur in modo marginale – dall’azienda piacentina, nata prettamente come produttore di materiale tecnico per il trattamento acque, dai dosatori agli addolcitori, che dal 2021 ha visto un ampliamento importante di gamma con nuove referenze, passando da una semplice cartuccia a carboni attivi ad una gamma di osmosi e frigogasatori sotto e sopra banco i quali, come nel primo caso, vengono collegati a rubinetti a 3 o 5 vie che servono ad erogare acqua naturale filtrata, naturale fredda, gasata fredda, e non filtrata calda e fredda (mod. 5 vie), tra le varie opzioni disponibili.

 

PROGETTO POSA

Sempre in quest’ottica, inoltre, da novembre 2022 Watermarket ha avviato un nuovo progetto con Leroy Merlin, come illustra D’Amelio: “Grazie alla fiducia che Leroy Merlin ha riposto nel nostro know-how è nato il progetto posa, servizio rivolto ai privati loro clienti. Lanciato in occasione dell’apertura del negozio Leroy Merlin Catania Fontanarossa, consiste nell’acquisto chiavi in mano delle macchine per l’acqua da bere e degli addolcitori. È possibile, infatti, acquistare anche la posa a domicilio della macchina e la manutenzione della stessa per 2 o 5 anni. Sono iniziati già a dicembre i primi sopralluoghi richiesti dai clienti e siamo fiduciosi per il futuro, perché il futuro nel trattamento acque per uso domestico sarà l’acqua da bere da rubinetto. Siamo convinti che se fino ad oggi il mercato del trattamento acque ad uso domestico pendeva nettamente verso le acque tecniche, almeno per un buon 80%, nel biennio 2023-2024 le asticelle cambieranno e si arriverà quasi a un 50-50 con incrementi importanti nell’acqua da bere”.

 

GAMMA MR BIO

Del resto Watermarket da oltre due anni ha sposato un progetto green, che non si concretizza solo nell’acqua da bere ma che viene declinato anche nella detergenza e nei prodotti per la pulizia della casa oltre che nel packaging dei suoi prodotti. “Nel 2021 abbiamo lanciato Mr Bio, una gamma di detergenza bio e probiotica utile per svariate applicazioni: bagno, wc, superfici, sifoni, cucina, tessiti e fosse settiche. Contrasta la formazione di patogeni e insetti e, grazie alla sua formulazione a base di microrganismi, non è nociva né per l’uomo, né per l’ambiente, né per gli animali. Il tratto distintivo della gamma Mr Bio è che l’azione igienizzante non è istantanea, come nel caso dei prodotti chimici, ma perdura nel tempo, anche dopo l’uso. Queste caratteristiche la rendono ideale anche per il mercato del pet, canale che è esploso negli ultimi anni e che è alla ricerca di prodotti sempre più specifici” spiega D’Amelio. Alcune referenze Mr Bio sono presenti nei negozi Obi e recentemente anche il Gruppo Bricofer ha creduto in questo progetto green, inserendo a banco ben 6 articoli. “Siamo fiduciosi che i clienti ne comprenderanno le peculiarità e i vantaggi – afferma l’amministratore delegato – cosa che ci permetterà di aumentarne la produzione e diminuirne i costi, in linea con una produzione più massiccia”.

 

POST-VENDITA

Ma Watermarket non si ferma qui; sono in corso delle trattative per diventare fornitore ufficiale di un’altra insegna della Gds brico. E questa capillarità non può che essere sostenuta da un servizio post-vendita sempre più mirato ed efficace: “Stiamo lavorando molto sul post-vendita, implementando il team di assistenti tecnici e migliorando la consulenza telefonica per poter dare sempre più servizio ai nostri clienti indiretti – dichiara D’Amelio –. Siamo disponibili sui canali social sui quali sono visibili i nostri tutorial e abbiamo una mail dedicata, service@watermarket.it, a cui rispondiamo entro 48h. Riceviamo molte ri chieste di informazioni tecniche o consigli su cosa acquistare, e il riscontro da parte dell’utente è molto positivo”. Così come sono positivi anche i risultati ottenuti con l’ecommerce. “Un canale che ci sta dando grandi soddisfazioni è l’ecommerce. Siamo presenti su Amazon con il brand WK, che include una linea dedicata esclusivamente a questo canale, con prezzi allineati alla Gds in modo da non creare turbative di mercato” conclude l’ad.