Home Distribuzione Dalle insegne Leroy Merlin dona le eccedenze di mobili e materiale edile
Leroy Merlin dona le eccedenze di mobili e materiale edile

Leroy Merlin dona le eccedenze di mobili e materiale edile

204
0

Il progetto, sviluppato con Regusto, rafforza l’impegno del retailer alla lotta alla povertà e mira a garantire benessere alla comunità.

 

In linea con una politica di sviluppo socialmente sosostenibile e “anti-spreco”, sempre più aziende italiane decidono di donare prodotti invenduti ed eccedenze di magazzino agli enti no-profit, nel segno della sostenibilità e dell’economia circolare. Non solo nel settore alimentare: grazie alla diffusione di tecnologie sempre più innovative, le donazioni rappresentano uno strumento fondamentale anche in altri segmenti, come quello della casa. E’ ciò che sta facendo Leroy Merlin, che dona mobili e materiali per l’edilizia agli enti no-profit attraverso la partnership siglata con Regusto, piattaforma digitale che sfrutta la tecnologia blockchain per gestire le donazioni di eccedenze alle associazioni.

 

Ogni punto vendita Leroy Merlin può caricare autonomamente sulla piattaforma le referenze da donare, le quali potranno essere prenotate non solo dalle associazioni iscritte a Regusto attive nei territori vicini al punto vendita, ma da tutte quelle presenti sul territorio italiano, con la possibilità di accordarsi sul ritiro o sulla spedizione in base alle diverse esigenze. Ogni donazione sulla piattaforma è tracciata con la blockchain, rendendo disponibili report, statistiche e indici di impatto ambientale, come le emissioni di CO₂, lo spreco di acqua e il consumo di suolo evitati. Da giugno sono state effettuate 129 donazioni a 20 associazioni per un totale di oltre 38.600 kg di materiale, contribuendo a un risparmio di più di 20.000 kg di CO2 e di 116.000 metri cubi di acqua.

 

“Siamo spesso portati a considerare lo spreco come qualcosa legato solo al settore alimentare, ma in realtà sono molte le inefficienze dal punto di vista energetico o sull’utilizzo dei materiali – puntualizza Mauro Carchidio, direttore immobiliare e sviluppo sostenibile di Leroy Merlin Italia -. Attraverso la donazione delle eccedenze e degli invenduti dei negozi, Leroy Merlin rafforza il proprio impegno per la lotta contro la povertà e per garantire benessere a ogni livello della comunità”.

 

Nella foto: la presentazione del progetto alla Camera dei Deputati a Roma, a cui hanno partecipato: l’On. Maria Chiara Gadda, prima firmataria della legge “anti-spreco”, Mario Carchidio, Direttore Immobiliare e Sviluppo Sostenibile di Leroy Merlin Italia e Marco Raspati, CEO di Recuperiamo srl a cui fa capo Regusto.