Home Mercato Netcomm: i dati sulla diffusione dei marketplace in Italia
Netcomm: i dati sulla diffusione dei marketplace in Italia

Netcomm: i dati sulla diffusione dei marketplace in Italia

148
0

Circa 100 imprese nazionali aderiscono al modello a piattaforma. Tra i settori più coinvolti c’è il mondo del casa e arredo (all’11%).

 

L’avvento dei marketplace e dei modelli a piattaforma si sta rafforzando sempre più anche nel nostro Paese. Secondo uno studio di Netcomm, condotto da The European House Ambrosetti, già nel 2019 in Italia i marketplace generavano oltre 8 miliardi di euro di fatturato e occupavano più di 16.000 persone, registrando un trend di forte crescita che ha visto aumentare il loro fatturato dal 2015 al 2019 del+26% medio e registrando un ulteriore +81% nel 2020. Considerando i sottosettori che compongono il macro-aggregato delle vendite online, nel 2019 i marketplace hanno rappresentato il comparto a crescita maggiore, sia per fatturato (+26% medio annuo) che per occupazione (+21% medio annuo).

 

Oggi, nel nostro Paese, sono circa 100 le imprese che hanno aderito al modello a marketplace. Tra i settori merceologici principalmente coinvolti e maggiormente rappresentati dal marketplace troviamo: elettronica di consumo, elettrodomestici, informatica (21%), moda (15%), casa e arredo (11%).

 

Nel mondo del commercio B2b, le piattaforme vengono utilizzate dal 31% delle aziende italiane per vendere e dal 77% delle aziende italiane per comprare prodotti in questo ecosistema. Molte imprese sviluppano poi piattaforme B2b per aprire a venditori terzi e completare così la gamma di vendita dei propri prodotti e servizi.

 

Guardando allo sviluppo del segmento a livello mondiale, i primi 200 marketplace generano più di un milione di visite al mese e hanno visto un aumento delle vendite dell’81% nel Q4 2020 rispetto allo stesso periodo nel 2019. Questa percentuale è il risultato, da un lato, di un aumento dei seller sulle piattaforme del 46% e dall’altro dell’incremento delle vendite medie di questi venditori del 24%. I player che hanno sviluppato il modello a piattaforma, hanno registrato mediamente un aumento del 10% dei loro utili.