Home Mercato Pet, forte propensione agli acquisti online
Pet, forte propensione agli acquisti online

Pet, forte propensione agli acquisti online

30
0

Per comodità, disponibilità, convenienza. Sempre di più gli acquisti online secondo l’ultimo sondaggio Permanent Pet Watch di Mediatic. Amazon e Zooplus gli ecommerce preferiti.

 

Nel mese di marzo il sondaggio dell’osservatorio Permanent Pet Watch di Mediatic ha indagato il fenomeno degli acquisti online tra i proprietari di animali da compagnia nel corso dell’ultimo anno. Hanno partecipato all’indagine proprietari di cani, di gatti e di altri piccoli animali, prevalentemente donne e di età compresa tra i 30 e i 50 anni.

 

Più di 3 intervistati su 4 (78%) dichiarano di aver effettuato almeno un acquisto online di prodotti per il proprio animale da compagnia negli ultimi 12 mesi. Inoltre, nello stesso periodo, il 53% dei proprietari ha acquistato online tutti i prodotti o più della metà dei prodotti. Che ormai sia uno dei principali canali d’acquisto, lo conferma oltre la metà dei pet parent (52%) che dichiara di effettuare acquisti online almeno una volta al mese.  La propensione ad acquistare maggiormente da Internet cresce all’aumentare dell’età. Sono stati i proprietari di età compresa tra i 30 e i 50 anni (85%) a ricorrere di più all’ecommerce. Non solo. Il 56% degli over 50 dichiara di acquistare tutto o più della metà dei prodotti pet online.

 

Tra i siti di ecommerce preferiti spiccano Amazon e Zooplus, citati da oltre un terzo dei rispondenti. I proprietari di gatti preferiscono Zooplus (44%) rispetto ad Amazon (34%), mentre i proprietari di cani preferiscono Amazon (48%) a Zooplus (21%). I possessori di gatti mostrano una maggiore fidelizzazione (47%) al sito ecommerce utilizzato. Significa cioè un ricorso a un numero limitato diportali/siti per effettuare gli acquisti, rispetto ai proprietari di cani (32%). Il 49% dichiara di servirsi di un massino di 3 portali di e-commerce.

 

Secondo i rispondenti, i principali vantaggi degli acquisti online sono:

  • comodità, risparmio di tempo e consegna a domicilio (69%);
  • possibilità di acquistare in ogni momento (69%),
  • convenienza (66%),
  • maggiori possibilità di scelta e di acquistare prodotti difficilmente reperibili nei negozi tradizionali (51%)
  • possibilità di evitare code e assembramenti (45%).

 

Tra le categorie di prodotti acquistati online, il petfood è la principale: alimenti (72%), prima di giochi (36%) e antiparassitari (33%). Seguono guinzaglieria e abbigliamento (27%), cucce, trasportini e prodotti per l’auto (27%), snack (26%), prodotti per l’igiene e la toelettatura (23%), lettiere (22%) e altro, tra cui farmaci e tiragraffi (3%).

 

Sebbene emerga che l’emergenza di Covid-19 non abbia modificato le abitudini d’acquisto del 55% dei proprietari, tuttavia è interessante notare che il restante 45% ha dichiarato aver iniziato ad acquistare online prodotti per i pet in seguito all’emergenza sanitaria. Questa percentuale arriva al 47% tra le persone che hanno un’età compresa tra i 30 e i 50 anni.

 

Il 22% dei proprietari non acquista online prodotti per i pet. Le motivazioni sono le seguenti: il 60% non acquista online perché non riceverebbe consigli e supporto nella scelta all’acquisto come invece accade in un punto vendita; il 15% non ha acquistato online per l’impossibilità di provare o vedere il prodotto, un ulteriore 15% per le spese di spedizione troppo elevate, il 14% convinto dalla scomodità di tempi di consegna e difficoltà nei processi di reso. Infine, l’8% dichiara di non possedere carte di credito e il 5% di non acquistare per mancanza di sicurezza relativa al pagamento.

 

Le persone che affermano di non aver fatto ricorso al canale online prediligono acquistare in negozi specializzati per animali (68%), dove i consigli di addetti alla vendita possono risultare molto utili per i clienti: questo sembrerebbe dimostrare perché la mancanza di suggerimenti durante lo shopping sia il principale motivo che spinge a preferire i canali d’acquisto tradizionali.