Home Mercato Prezzi in salita, come reagirà il consumatore?
Prezzi in salita, come reagirà il consumatore?

Prezzi in salita, come reagirà il consumatore?

132
0

L’inflazione torna a mordere dopo anni di prezzi sostanzialmente stabili e il consumatore che fa? Compra, per anticipare gli aumenti futuri.

 

La corsa dei prezzi continua, il tasso di inflazione ha toccato in ottobre il 3%, un livello che non si vedeva da 10 anni. Le cause le conosciamo: l’aumento delle materie prime, i rincari dei trasporti marittimi, le tensioni geopolitiche globali. A ciò si aggiunge ora una crescita incontrollata dei costi energetici, una vera mazzata per il mondo produttivo. Proprio quando stavano arrivando i primi segnali di stabilizzazione della catena di fornitura, è sopravvenuta la componente energetica a scuotere nuovamente i mercati.

 

Il mondo produttivo ha temporeggiato il più possibile a scaricare gli aumenti di costi sui listini, cercando di farlo in modo graduale per non avere contraccolpi sulle vendite, ma è prevedibile che il progressivo aumento dei prezzi al dettaglio proseguirà almeno per tutta la prima metà del 2022.

 

In questo quadro, il consumatore cosa fa? Come modifica i suoi comportamenti d’acquisto? Difficile a dirlo, al momento le vendite viaggiano forte in quasi i tutti comparti, testimoniate da una fiducia dei consumatori ai massimi nell’ultimo decennio (l’indice Istat fa segnare 119,6 a settembre, 118,4 a ottobre, quando nel pre covid, a settembre 2019, viaggiava a quota 112). Tutto bene allora?

 

Sembrerebbe di sì, ma una ricerca di GfK realizzata in Germania insinua un dubbio: e se l’attuale trend positivo delle vendite fosse proprio collegato ai timori di un rincaro futuro dei listini? La ricerca sostiene che i consumatori sono perfettamente consapevoli che la corsa dei prezzi continuerà, almeno nel medio periodo, e quindi comprano, soprattutto beni durevoli, riducendo la propensione al risparmio, per anticipare i futuri aumenti. In questo caso il rischio è quello di un brusco raffreddamento del mercato nel primo semestre 2022, quando presumibilmente i rincari saranno arrivati a regime.