Home Mercato Retail brico 2021, Germania giù, USA su
Retail brico 2021, Germania giù, USA su

Retail brico 2021, Germania giù, USA su

126
0

Primo semestre difficile per la distribuzione Diy tedesca, con vendite in calo, mentre negli USA la crescita continua: il Q2 di Home Depot batte tutte le attese.

 

Gli andamenti di fatturato delle insegne brico nel 2021 sono in parte falsati dalla dinamica del tutto anomala dell’anno precedente con cui si vanno a confrontare. Infatti nel 2020, a causa dei lockdown, fu pessimo il primo quadrimestre e in crescita esplosiva il secondo. Dunque i dati dell’anno in corso finora disponibili, quelli del Q1, mostrano per tutti un’ampia crescita per certi versi scontata, ma c’è curiosità (e timore) per quelli del Q2, che si rapportano invece con un periodo di vendite eccezionali. Dell’Italia, come sempre, sappiamo poco niente, ma dal mondo arrivano i primi report che mostrano andamenti in chiaroscuro.

 

La Germania ebbe un primo semestre 2020 incredibilmente positivo, anche nei mesi peggiori della pandemia (primo trimestre +5,5%, secondo trimestre +22,5% sul 2019). Il primo semestre 2021 evidentemente paga pegno: secondo BHB, l’associazione dei distributori Diy, il risultato del primo semestre mostra un calo delle vendite del 15% circa. L’associazione avverte che questi dati si riferiscono agli acquisti in store e, in considerazione del fatto che nei primi mesi 2021 la Germania è stata sottoposta a un lockdown piuttosto pesante, parte della quota sarà recuperata attraverso la crescita delle vendite online. Per la seconda parte dell’anno, invece, BHB prevede una stabilizzazione del trend.

 

Opposto il caso degli USA. Alla presentazione della seconda trimestrale dell’anno fiscale 2021 di Home Depot, le previsioni degli analisti erano molto prudenti, nella migliore delle ipotesi in linea con gli ottimi risultati del 2020, mentre i risultati li hanno smentiti, mostrando un ulteriore aumento dei ricavi di 8,1%, superando per la prima volta nella storia dell’insegna i 40 miliardi di dollari di fatturato in un trimestre, a quota 41,1 miliardi. L’utile netto è di 4,8 miliardi di dollari.