Home Distribuzione Screwfix arriva in Francia. Rampa di lancio per l’Europa continentale?
Screwfix arriva in Francia. Rampa di lancio per l’Europa continentale?

Screwfix arriva in Francia. Rampa di lancio per l’Europa continentale?

149
0

L’insegna multicanale del Gruppo Kingfisher arriva in Francia sull’onda del successo in Gran Bretagna. Profilo, strategie e possibile ulteriore espansione.

 

Screwfix è l’insegna probabilmente di maggior successo del Gruppo Kingfisher, da cui fu acquisita 24 anni quando era un piccolo catalogo di vendita per corrispondenza di articoli professionali per l’artigianato e l’edilizia. Nel 1999 nasce il sito web, parliamo di un’epoca in cui la parola ‘multicanalità’ ancora non esisteva e sfruttare il web come piattaforma commerciale era un’idea pionieristica. Ricordiamo che Google nasce nel 1997, Amazon nel 1994, ma inizia ad allargare il suo business oltre i libri nel 2000. Il focus è rimasto sulla clientela professionale: edilizia, manutenzione, installazione, artigianato.

 

Nel tempo, al catalogo, al sito web e ai servizi telefonici, si affianca una rete di punti vendita fisici. Il primo negozio è stato inaugurato nel 2005, nel 2013 erano 300, oggi sono 711 in Inghilterra e 12 in Irlanda, con l’obiettivo di arrivare a 900 in tempi brevi. Il servizio di click and collect risale al 2011, certamente il primo nel nostro settore, uno dei primi in assoluto. Gli store in realtà sono magazzini con bancone servito, niente self service, solo postazioni pc per vedere l’assortimento, perfetti come punti di ritiro per l’ordinato online. Nel 2020 il fatturato ha superato i 2 miliardi di sterline, il doppio di 5 anni fa.

 

Ma veniamo all’espansione internazionale. Dopo una sfortunata avventura in Germania iniziata nel 2014 e terminata nel 2018 con la chiusura dei 19 negozi, Screwfix aveva optato per un sito in lingua inglese dal quale servire tutta Europa con partenza della merce dall’Inghilterra. Con la pandemia (questa la giustificazione ufficiale) ma supponiamo anche a causa della Brexit, il servizio è stato sospeso e il sito non è più funzionante.

 

Con la nascita della piattaforma francese si aprono scenari suscettibili di sviluppi anche a livello continentale. La casa madre Kingfisher vanta Oltralpe una solida presenza (Castorama e Brico Depot) con infrastrutture logistiche avanzate che permetterebbero di servire i paesi vicini (quindi anche l’Italia) con buona efficienza, tanto forse da giustificare la localizzazione del sito nelle varie lingue. Al momento non ci sono indicazioni in questo senso, ma non ci stupirebbe una strategia simile nei prossimi anni.

 

Assortimento, know how in termini di logistica e assistenza pre e post vendita, volumi, non mancano. L’incognita è se la formula Screwfix sarà altrettanto efficace senza il supporto della rete di vendita fisica, della quale al momento non c’è traccia nell’Europa continentale. Ma in futuro, chissà.