Home Distribuzione Sergio Giroldi lascia la guida di Obi. Gli succede Sebastian Gundel
Sergio Giroldi lascia la guida di Obi. Gli succede Sebastian Gundel

Sergio Giroldi lascia la guida di Obi. Gli succede Sebastian Gundel

595
0

Lo storico ceo del Gruppo da fine settembre andrà in pensione. Al suo posto c’è Gundel, già responsabile digital e servizi al cliente dell’insegna.

 

Sergio Giroldi lascia la direzione di Obi: dopo 20 anni alla guida della catena come amministratore delegato, dalla fine di settembre 2022 andrà in pensione. Il suo successore sarà Sebastian Gundel, in Obi da 10 anni. Gundel negli ultimi tempi si è distinto, in particolare, per aver guidato la trasformazione digitale dell’insegna, occupando la posizione di responsabile dell’area digital e dei servizi ai clienti.

 

Sergio Giroldi è stato ceo di Obi dal 2003, contribuendo nel suo ruolo alla crescita e al successo nazionale e internazionale del Gruppo, che oggi è player di riferimento nel diy sia nel mercato tedesco sia in molti Paesi del centro Europa. Negli ultimi due anni, Sergio Giroldi ha guidato in modo proattivo il suo piano di successione per garantire una transizione graduale.

 

Commenta Sergi Giroldi: “E’ stato un onore e un grande piacere essere alla guida di Obi negli ultimi 20 anni, potendo sempre contare sul supporto e l’impegno sia dei nostri shareholder che dei collaboratori dell’azienda, con i quali ho condiviso la passione per la nostra attività, il successo della nostra impresa nonché la responsabilità sociale del nostro lavoro”.

 

“Siamo tutti sinceramente riconoscenti a Sergio Giroldi per il suo impegno e la sua dedizione verso Obi e gli auguriamo il meglio per questo prossimo capitolo della sua vita – dichiara Christian Haub, presidente del supervisory board e amministratore delegato di Tengelmann, azionista di maggioranza di Obi -. Guardando avanti, sono molto emozionato per l’arrivo alla guida dell’azienda di Sebastian Gundel, che potrà beneficiare, nella sua nuova posizione, sia della sua profonda conoscenza del Gruppo coltivata negli anni, sia della sua visione strategica del futuro”.