Home Distribuzione Dalle insegne Sonepar Italia: crescita super nel I semestre 2021
Sonepar Italia: crescita super nel I semestre 2021

Sonepar Italia: crescita super nel I semestre 2021

138
0

Sonepar Italia chiude il I semestre 2021 con una crescita del 41%, il miglior risultato mai conseguito dall’azienda specializzata nella distribuzione di materiale elettrico.

 

Sonepar Italia chiude il primo semestre 2021 con una crescita del 41%, superando la soglia di fatturato di 500 milioni di euro. Si tratta del miglior risultato in assoluto conseguito dall’azienda specializzata nella distribuzione di materiale elettrico, leader in Italia con 150 punti vendita e 2000 dipendenti e parte del Gruppo Internazionale Sonepar.

 

Le linee di prodotto che hanno registrato i maggiori incrementi nel periodo sono le Energie Rinnovabili e HVAC – riscaldamento, ventilazione e condizionamento – e la mobilità sostenibile, ma anche altri comparti come l’installazione industriale e la sicurezza. A livello geografico tutte le regioni sono cresciute con tassi a doppia cifra, ma sono diverse aree del Sud, in particolare Sicilia e Calabria, che esprimono il rialzo più consistente.

 

“Ottimo inizio d’anno – dichiara Sergio Novello, presidente e AD di Sonepar Italia – , nel primo semestre 2021 abbiamo fatturato quanto nell’intero 2015. Gli incentivi governativi hanno certamente scosso le dinamiche del mercato e a noi, attori della filiera, è data l’opportunità di cogliere il momento con un approccio di metodo sostenibile e costruttivo. Vi è anche un effetto inflazione, con il rialzo di molti listini dovuto all’aumento dei prezzi delle materie prime. Diversi cantieri, sospesi per buona parte del 2020, hanno trovato compimento in questi primi mesi, aggiungendosi a quelli che organicamente venivano programmati. Ecobonus e Superbonus hanno aiutato a sbloccare la situazione stagnante nel settore residenziale, dove ristrutturazioni e riqualificazioni energetiche sono state prioritarie in questo periodo, ma anche il comparto industriale si è mosso, grazie a una buona ripresa dell’export”.