Home Mercato Suez e non solo: nuove tensioni sui costi delle importazioni (sondaggio)
Suez e non solo: nuove tensioni sui costi delle importazioni (sondaggio)

Suez e non solo: nuove tensioni sui costi delle importazioni (sondaggio)

619
0

L’incidente della ‘Ever Given’, l’allarme delle associazioni tedesche del brico-garden, le manovre dei carrier del trasporto. Tutto lascia presumere che il caro import sia destinato a durare. Sondaggio sui riflessi nel brico in Italia.

 

Non c’è pace per le attività di importazione dal Far East. Tutto è cominciato nell’autunno scorso a causa degli scompensi nel traffico dei container che si sono trovati per la maggior parte vuoti dalla sponda sbagliata dell’oceano (in Europa e Usa), mentre la merce doveva partire dalla Cina dove non ce n’erano (ne abbiamo parlato qui). Questo ha causato un’impennata dei prezzi per l’importazione delle merci, con tariffe di noleggio di un container che sono schizzate da 1.500 dollari pre pandemia fino a 12.000 dollari.

 

La situazione si stava lentamente normalizzando quando l’incidente della ‘Ever Given’, che ha bloccato il Canale di Suez per una settimana dal 23 al 29 marzo, ha fatto di nuovo precipitare nell’emergenza il settore del trasporto marittimo. Infatti, nonostante il traffico sia ora regolare, i ritardi nelle consegne delle merci andranno ben oltre la settimana di fermo, poiché ora le navi stanno arrivando tutte insieme nei porti europei creando congestioni nelle operazioni di scarico, già rallentate dalle misure anti covid.

 

Le associazioni tedesche del brico, della ferramenta e del giardinaggio (HHG e IVG) hanno lanciato l’allarme su possibili rincari. “I ritardi nei porti di partenza e i costi crescenti pongono grossi problemi agli importatori di medie dimensioni di articoli da giardinaggio e ferramenta in particolare. A seconda della quota dei costi di trasporto marittimo nel singolo articolo, molti prodotti importati di giardinaggio e ferramenta rappresentano quindi una forte perdita per i fornitori sulla base del calcolo del prezzo esistente. Secondo HHG e IVG, le aziende non possono evitare gli adeguamenti dei prezzi a lungo termine”. Le associazioni sottolineano anche di aver chiesto alla Comunità Europea di intervenire a livello politico presso le compagnie di navigazione che stanno violando i contratti in modo unilaterale applicando aumenti di prezzo incontrollati senza giustificazione.

 

Infatti, la questione va oltre la pandemia e l’incidente di Suez, le compagnie di navigazione hanno importanti responsabilità nel caos che si è creato. I gruppi che controllano il trasporto dei container sono pochi, grandissimi e potentissimi. Lo scorso anno, allo scoppiare della pandemia, i carrier si sono accordati per ridurre fortemente (e artificialmente) il numero dei viaggi in modo da far alzare i prezzi dei singoli noli e salvaguardare i profitti. Questa strategia ha funzionato oltre ogni aspettativa, se è vero che complessivamente nel 2020 i vettori marittimi hanno totalizzato utili per circa 15 miliardi di dollari, un anno record per loro: poche rotte e profitti alle stelle (leggi l’articolo su Huffington Post). Il sospetto è che questa strategia, che così bene ha funzionato in tempi di emergenza, possa essere in qualche modo perpetuata a danni di produttori e rivenditori, con ripercussioni che arriveranno presto (o sono già arrivate) alle tasche dei consumatori finali.

 

Risponda (in forma del tutto anonima) al sondaggio riportato qui sotto per valutare gli effetti del ‘caro noli’ sul nostro settore. Appena avrà votato, appariranno le percentuali aggiornate in tempo reale.

 

? Rincari dei prodotti
Ci sono stati, o ci saranno a breve, rincari dei prezzi al consumo di alcune merceologie ‘brico-garden’ (o dei listini nel caso dei produttori/distributori) in conseguenza del rincaro dei noli marittimi dalla Cina? Risposta singola
No, nessun aumento, ne applicato ne previsto
Finora nessun aumento, ma ci saranno a breve
Abbiamo già applicato aumenti
? Quali prodotti
Quali sono le categorie di prodotto più colpite dagli eventuali aumenti? Risposta multipla
Outdoor (arredo giardino, prodotti e attrezzature giardinaggio, barbecue, piscine)
Elettroutensili
Ferramenta e utensileria manuale
Illuminazione
Elettricità- smart home
Clima, riscaldamento, ventilatori