Home Mercato Vacanze e concerti invece del fai da te. Ecco il motivo del 2023 difficile per il Diy
Vacanze e concerti invece del fai da te. Ecco il motivo del 2023 difficile per il Diy

Vacanze e concerti invece del fai da te. Ecco il motivo del 2023 difficile per il Diy

87
0

Il Ceo di Lowe’s Marvin Ellison sostiene che il calo delle vendite Diy è imputabile più alla voglia di esperienze post-Covid dei clienti che a inflazione e crisi economica.

 

Analizzando l’anno difficile per le vendite di Lowe’s, la seconda insegna Diy a livello mondiale, il Ceo Marvin Ellison ha fornito spiegazioni interessanti, che, sebbene riferite al mercato americano, posso essere valide anche nel nostro paese. Ellison spiga che a subire i maggiori cali sono stati gli scontrini di alto valore da parte dei clienti privati, tipicamente quelli indotti da progetti di home improvement di una certa rilevanza, mentre sono stabili gli scontrini medio bassi e in crescita gli ordini dell’utenza professionale.

 

Questo dimostra che il trend poco brillante riguarda le attività di fai da te importanti, proprio quelle che avevano trainato il boom del settore nel periodo pandemico e post pandemico. Oggi si sta verificando uno spostamento dei consumi verso “l’economia dell’esperienza”, tipicamente viaggi, concerti e altre attività dal vivo fuori casa. Nell’analisi del Ceo di Lowe’s questo fattore ha inciso sul trend poco brillante del mercato Diy più dell’aumento dei prezzi e della difficile congiuntura generale che ha ridotto il potere d’acquisto delle famiglie.

 

Tuttavia, Ellison ha affermato che il cambiamento nel comportamento dei consumatori è un fenomeno a temporaneo che alla fine porterà a una domanda normalizzata. “Non abbiamo una previsione su quando si verificherà l’inversione di tendenza, ma ci aspettiamo che la situazione rimanga quella attuale per il resto dell’anno”, ha detto. A medio e lungo termine, però, l’outlook è positivo. Per il 2023, Lowe’s si aspetta che le vendite diminuiranno dal 2% al 4%.