Home Mercato Vaccino in azienda: le imprese del commercio lombarde sono pronte
Vaccino in azienda: le imprese del commercio lombarde sono pronte

Vaccino in azienda: le imprese del commercio lombarde sono pronte

143
0

La campagna vaccinale, all’interno del mondo industriale e distributivo regionale, coinvolge un bacino di 2 milioni e 700.000 lavoratori.

 

Confcommercio Lombardia e FederDistribuzione, insieme, aderiscono alla campagna vaccinale di Regione Lombardia, partecipando attivamente allo sforzo comune per accelerare la campagna stessa, e cioè mettendo in campo tutto il peso del sistema del commercio e del terziario: un bacino di oltre 2,7 milioni di lavoratori in oltre 530.000 imprese. Le due associazioni hanno già riscontrato interesse e disponibilità da parte delle imprese associate per offrire la possibilità ai lavoratori di sottoporsi al vaccino.

 

“L’auspicio è quello di creare le condizioni per una ripartenza economica e sociale – fanno sapere da Confcommercio Lombardia -. Dobbiamo cercare di garantire l’avvio della stagione estiva e, in prospettiva, della stagione fieristica a settembre e dei grandi appuntamenti internazionali. Pensiamo ad esempio al Salone del mobile o alla Fashion week, vitali per l’attrattività di Milano. L’unico modo per rimettere in moto tutti i settori del terziario è quello di dare una spinta decisiva alla campagna vaccinale”. È stata inoltre evidenziata la necessità di un’attenzione particolare per le microimprese che vorrebbero partecipare alla campagna vaccinale ma non disponendo di spazi o personale adeguato, chiedono di poter essere affiancate.

 

“Accogliamo positivamente l’iniziativa della Regione Lombardia – commenta FederDistribuzione -, con l’auspicio che si approfondiscano rapidamente tutti gli aspetti tecnici e di ricevere un quadro di indicazioni precise e regole chiare per fornire alle imprese un contesto definito nel quale muoversi”. L’ente, cioè, vuole essere pronto a partire immediatamente con il progetto, quando saranno disponibili sufficienti dosi di vaccini, così da poter procedere a ritmo sostenuto con la campagna, assicurando il corretto coordinamento con la struttura commissariale e con la cabina di regia nazionale.