Home Produzione Verde vivo: gestione, trend e profilo del consumatore nel brico
Verde vivo: gestione, trend e profilo del consumatore nel brico

Verde vivo: gestione, trend e profilo del consumatore nel brico

36
0

Cosimo Pagano, esperto floricultore e titolare della Pagano Fiori, spiega a Bricomagazine come il verde vivo può rappresentare un’opportunità da non trascurare per il canale del bricolage.

I dati di vendita confermano il trend estremamente positivo del garden nel canale del bricolage, una famiglia merceologica che oggi rappresenta l’11,5% del fatturato complessivo (al terzo posto dopo sanitari ed edilizia) dal 10% circa di due anni fa, proponendosi come il più dinamico tra i mondi del Diy (dati GfK Diy Superstore Panel). In questo contesto assume sempre più rilevanza il verde vivo, un prodotto a volte trascurato nell’assortimento garden, più per le difficoltà intrinseche di gestione che per scelta. Infatti, piante e fiori non solo offrono grandi opportunità di vendita, ma rappresentano anche uno straordinario traino per il ‘cross selling’ di vasi, utensili per il giardino, prodotti chimici e terricci, attrezzature per l’irrigazione… Naturalmente è importante scegliere un fornitore in grado di affiancare e supportare il rivenditore in termini di consulenza e servizio per individuare i prodotti adatti, con le tempistiche giuste e naturalmente con qualità e prezzo adeguati. Abbiamo parlato dei temi centrali per la gestione del verde vivo nel brico con Cosimo Pagano, esperto floricultore pugliese, titolare della Pagano Fiori, azienda che mette a disposizione del settore un’ampia gamma di proposte e servizi.

 

Nel periodo pandemico è cresciuto l’interesse degli italiani, soprattutto dei consumatori più giovani, verso il mondo del garden, con il verde vivo in primo piano. Come possono produzione e distribuzione stimolare ulteriormente queste nuove fasce di clientela?

Assortimento, qualità, esposizioni professionali e informa zioni, sono la chiave del successo nel business del verde vivo. Il fornitore gioca un ruolo importante, deve avere la giusta esperienza e conoscenza da trasmettere al punto vendita. Bisogna collaborare sempre di più nella promozione e informazione verso il grande pubblico, le piante non sono solo un hobby, abbelliscono qualsiasi ambiente e ci fanno vivere in un ambiente più salubre e in questo vari media stanno dando un forte con tributo, le piante ormai fanno parte della vita quotidiana di ogni persona.

 

Facendo riferimento al canale di vendita del bricolage, quali sono le varietà più richieste? Ci sono state variazioni nel comportamento dei consumatori rispetto al periodo pre-Covid?

Direi che in linea generale le varietà richieste sono rimaste in larga maggioranza le stesse, con una super richiesta primaverile di piante fiorite da balconi e giardino, piante da frutto compresi rosai, e una tendenza direi oltre le previsioni verso le piante da orto e aromatiche, di facile coltivazione e collocabili su balconi o giardino. Le piante d’appartamento invece hanno una vendita pressoché stabile in tutti i periodi dell’anno, con la Phalaenopsis che resta anche per questo inizio 2022 la pianta più venduta.

 

Il tema delle certificazioni di qualità è centrale per gli acquisti di verde vivo, un prodotto di non facile lettura per rivenditori non specializzati come quelli del fai da te…

Il concetto della certificazione della qualità è nel DNA del nostro gruppo, e direi che l’intero comparto floricolo nazionale va verso questa direzione, tutti i nostri partner di produzione con cui collaboriamo hanno acquisito le più importanti certificazioni, forse l’errore sta nel non saper comunicare questa importantissima informazione.

 

In quale misura la vostra produzione è made in Italy? E quali sono i vantaggi del verde vivo di provenienza nazionale?

Voglio subito precisare che non è una gara per definire chi è il più bravo, l’esperienza di quasi tutte le aziende nazionali si è acquisita grazie alla collaborazione con produttori esteri, vi sono delle varietà che necessariamente e in determinati periodi bisogna ricorrere al mercato estero. Fatto questo preambolo posso affermare senza ombra di campanilismo e con orgoglio che il prodotto italiano ha raggiunto degli standard di qualità eccellenti. La nostra azienda è fortemente proiettata sul prodotto italiano o meglio su quello pugliese, zona a fortissima vocazione floricola (dipendiamo dal mercato estero solo nella misura di circa il 15%), una politica che abbiamo sostenuto da anni e che importanti partner della Gdo e Gds ci hanno riconosciuto, specialmente in termini di qualità.

 

In che misura i rincari dei fattori di produzione (riscaldamento serre, fertilizzanti, vasi, ecc.) hanno pesato sui prezzi dei prodotti al pubblico? E come stanno reagendo rivenditori e consumatori?

Un evento strano ci accompagna nel corso del 2022, con un inizio anno che tutto sommato ha registrato le vendite dell’anno precedente, poi un calo delle vendite di marzo non dovuto certamente all’aumento dei prezzi (i nuovi listini sono stati creati con molta attenzione), ma dal cattivo tempo che ha generato dei ritardi sulla fioritura delle piante, e di conseguenza la produzione non è riuscita a soddisfare le richieste. Dal mese di aprile e con una Festa della Mamma (8 maggio) che è andata oltre le previsioni abbiamo in parte recuperato il fatturato perduto. Tutto sommato gli aumenti sui listini non hanno superato l’8% e di conseguenza non hanno procurato grandi squilibri nelle vendite.

 

Il servizio è fondamentale per la gestione del verde vivo nella distribuzione del bricolage: come aiutate il rivenditore a gestire e sostenere le vendite?

La nostra mission non si ferma al puro aspetto commerciale, ma è soprattutto sui servizi che il fornitore deve prestare la massima attenzione. Chi decide di rivolgersi al nostro staff sa di avere a disposizione dei servizi che assolvono le varie esigenze di ogni punto vendita: comunicazioni visive del prodotto, espositori pronto vendita, suggerimenti su come allestire gli spazi. Abbiamo anche realizzato un libro sul marketing floreale e, chi è interessato alla vendita di piante online, può utilizzare la nostra piattaforma di dropshipping.

 

Quali sono le ultime novità che state proponendo?

Il mondo delle piante è talmente vario che ogni giorno ci sarebbero delle novità da proporre, l’ultimo arrivato è Grolls (in 15 giorni crescono i capelli).

Andando verso l’estate disponiamo di una vasta gamma di piante fiorite estive che sono al massimo della loro bellezza, con la proposta di piante grasse di diverse dimensioni e varietà, unitamente a una gamma di piante verdi e composizioni realizzate in collaborazione con il reparto CamaHome.