Home Distribuzione Zanutta: sviluppo rete in Lombardia, anche tramite attività di M&A
Zanutta: sviluppo rete in Lombardia, anche tramite attività di M&A

Zanutta: sviluppo rete in Lombardia, anche tramite attività di M&A

280
0

Oltre al nuovo flagship store milanese, il Gruppo cresce a Corsico e, con l’acquisizione di Edilmarket, si espande in Monza Brianza.

 

Prosegue l’espansione in Lombardia del gruppo Zanutta, nota realtà operante nel segmento edile. L’azienda, già presente nella regione Lombardia con 8 punti vendita, è in procinto di aprire altre 3 filiali.

 

In primo luogo Zanutta sta per inaugurare il suo nuovo flagship store nel centro di Milano, in Galleria Borella 1, a due passi da piazza Sant’Ambrogio e dall’Università Cattolica del Sacro Cuore. La nuova filiale offre una vasta scelta di ceramiche, sanitari, rubinetterie, mobili per bagni e cucine, prodotti per la pavimentazione e rivestimento murale sia di interni che esterni e articoli di arredamento in genere. La location si appresta a ospitare una serie di eventi dal 16 al 18 aprile, in concomitanza con la settimana del Salone del Mobile.

 

Sta inoltre prendendo forma un nuovo negozio a Corsico (MI), in viale Italia 16, a poche centinaia di metri da quello già presente, dove è in allestimento un’opera su tre piani con esposizioni di arredobagno, cucine, living, ceramiche, porte e serramenti. La previsione di apertura è per il prossimo mese di giugno.

 

L’ultima operazione, infine, è un’acquisizione tramite fusione per incorporazione di Edilmarket, un’azienda a conduzione familiare con una decina di dipendenti nata nel 1982, operante nella carpenteria metallica e specializzata nel settore della presagomatura del tondo per cemento armato, con sede a Misinto, in provincia di Monza Brianza.

 

Con queste imminenti aperture Zanutta raggiunge la quota di 50 filiali sparse in tutto il nord Italia e oltre 800 dipendenti. Ma non è tutto: “A breve – segnala l’ad Vincenzo Zanutta (in foto, insieme a Gianluca Zanutta) – chiuderemo altre operazioni che ci permetteranno di raggiungere quelle poche province del nord dove ancora non operiamo, come Verona e Brescia”.